75 anni dalla liberazione dall’occupazione nazi-fascista e Castelforte


COMUNICA STAMPA

Sono trascorsi 75 anni dalla liberazione dall’occupazione nazi-fascista e Castelforte non vuole dimenticare, a beneficio soprattutto delle future generazioni, cosa hanno rappresentato quei tragici momenti del maggio 1944, tante cicatrici, tuttora aperte, nelle mura e nella storia personale e collettiva di un intero popolo. Di questo argomento si occuperà il numero numero di “Vista sul Golfo” la rubrica settimanale di Teleuniverso che, dedicata esclusivamente al sud-pontino, andrà in onda giovedì 16 maggio, alle ore 22.35 circa.                                                                                       L’associazione “Linea Gustav Fronte Garigliano”, dopo anni di  appassionate ricerche storiche, ha realizzato, a proprie spese e cura, un innovativo ed accogliente museo dedicato alla seconda guerra mondiale all’interno di locali, concessi dalla locale amministrazione comunale, in via Armando Diaz, nel centro storico di Castelforte. Dell’importanza e della necessità di coltivare il sentimento della memoria e soprattutto delle finalità che intende perseguire il “War Museum Gustav Line Garigliano Front” ne parlerà in studio, ospite del conduttore Saverio Forte, l’infaticabile presidente di questa vivace realtà associativa, Giuseppe Caucci che, affiancato da un generoso gruppo di volontari e di “innamorati” del territorio e della storia aurunca, è riuscito – va sottolineato come i lavori siano stati in parte finanziatati dalla Micron Foundation e seguiti dall’ingegnere Claudio Leonetti – a dare concretezza ad un progetto avviato con molta lungimiranza nel 2016 dall’ex sindaco Patrizia Gaetano e poi proseguito dal commissario Prefettizio che ha guidato il comune di Castelforte sino alle elezioni amministrative del 2017. Il Comune ora è chiamato al compito più difficile: riempire di significati questo spazio espositivo che, se da un lato è considerato una stella polare per non dimenticare i lutti e le tragedie, umane e materiali, dell’ultima guerra, contiene già tutti i presupposti per  avviare un percorso di crescita culturale e turistica per l’intera realtà di Castelforte e, più, complessivamente, per il comprensorio meridionale della provincia di Latina. Il sindaco Giancarlo Cardillo si è già dichiarato convinto come  la sua Castelforte, la “Little Cassino”, grazie a questo bellissimo ed accogliente spazio saprà inserirsi, con tutti gli innegabili risvolti di natura economica e occupazionale, in un itinerario regionale e nazionale proteso a rinvigorire la memoria, quella con “m” maiuscola .                                            

    Le celebrazioni del 75° anniversario della liberazione di Castelforte intanto hanno  coinvolto diverse ed importanti istituzioni.  Tra queste il locale istituto comprensivo che, grazie alla sensibilità del dirigente scolastico Amato Polidoro, ha ospitato la presentazione di un libro dedicato alle “Città martiri” e  curato dall’associazione nazionale Combattenti della Guerra Liberazione il cui presidente Alessandro Cortese de Bosis è intervenuto  insieme all’Ammiraglio Giuliano Manzari, direttore del Centro Studi e Ricerche Storiche sulla Guerra di Liberazione 1943 – 1945. Il concerto domenica della Fanfara della Brigata Bersaglieri Garibaldi naturalmente è stato dedicato alle vittime della linea Gustav. Insomma per due giorni  Castelforte è ridiventata, come lo è stato, davvero, per la storia, il centro strategicamente più importante del fronte Garigliano della linea di difesa tedesca la cui conquista ha permesso agli alleati di risalire l’Italia dopo nove lunghi mesi di orrore, morte e distruzione. Ed il sacrificio della comunità e del centro aurunco è stato sottolineato anche da Emiliano Ciotti, l’indomito presidente dell’associazione che, tra mille polemiche, sta cercando di onorare le migliaia di vittime delle “marocchinate” che, purtroppo, non sono mancate neppure a Castelforte e nella parte iniziale della Linea Gustav.“Vista sul Golfo” andrà in onda sui canali 16 e 198 del digitale terrestre in tutto il Lazio, sul canale 89 per quanto riguarda l’Abruzzo, sul canale 617 per il Molise e – come sempre – con un ‘ora di differita su Teleuniverso +1  (canale 661) oltre che in streaming sul sito internet. La replica della puntata di “Vista sul Golfo” è prevista sabato 18 maggio , alle 10,30 circa, di Teleuniverso e nei prossimi giorni sul canale Youtube del gruppo editoriale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *